contro sacrificio

Contro il sacrificio

Al di là del fantasma sacrificale

Raffaello Cortina Editore, 2017

La passione per il sacrificio è solo umana. Gli uomini non si sono limitati a sacrificare sull'altare animali offerti ai loro dèi, ma hanno sacrificato su quell'altare anche la loro vita. È il caso dell'uomo ipermorale che sacrifica il suo desiderio, o del martire del terrorismo che si immola per una Causa. Un fantasma fondamentale ha attraversato l'Occidente: vivere nel sacrificio per ottenere un rimborso illimitato (da Dio, dalla propria famiglia, dall'Altro). In psicoanalisi questa è la Legge paradossale del Super-io: il sacrificio non è una semplice rinuncia al soddisfacimento ma una forma masochistica del soddisfacimento. È un fantasma che proviene da una interpretazione solo colpevolizzante del cristianesimo. La psicoanalisi, insieme alla parola più profonda di Gesù, si impegna invece a liberare la vita dal peso del sacrificio. Il che comporta un diverso pensiero della Legge: l'uomo non è schiavo della Legge perché la Legge - come sostiene la lezione cristiana - è fatta per l'uomo e non l'uomo per la Legge.

 

Recensione di Emanuele Trevi, Corriere della Sera, 10 aprile 2018
Recensione di Fabio Domenico Palumbo, Fata Morgana Web, 26 marzo 2018
Recensione di Alessandra Campo, BLOG LETTERa di ALIpsi
Recensione di Luca Bagetto, Doppiozero, 20 dicembre2017
Recensione di Enzo Bianchi, Tuttolibri, La Stampa, 9 dicembre 2017
Recensione di Roberto Esposito, La Repubblica, 15 novembre 2017

 

© Massimo Recalcati  2018 - Tutti i diritti riservati