abitare il desiderio

Abitare il Desiderio

Clinica psicoanalitica delle nuove forme del sintomo

Marcos y Marcos, 1996

Cosa vuol dire pensare l'etica negli anni della crisi di tutti i valori? Dove trova le proprie radici il senso dell'etica nell'epoca del nichilismo?
Il libro interroga con grande chiarezza il problema del rapporto fra legge e desiderio, il senso della morale-del-sacrificio operando un cambio di direzione piuttosto radicale rispetto alla logica che anioma la morale tradizionale.
L'esaltazione del soggetto, della sua volonta, del suo potere, rappresentano forse il fondamento di un pervertimento del senso dell'etica: occorre invece abitare il desiderio, uscendo dallo schematismo metafisico del dover-essere.
Si tratta di sganciare la soggettività dal mito della volontà e del dominio e ripensare al senso originario dell'etica che come Heidegger ci ha indicato, è quello dell'abitare; un abitare che viene prima di quella smania di fare esaltata dalla morale metafisica. A testimoni delle tesi qui presentate sono chiamati (con un coraggioso accostamento) quattro grandi pensieri: Heidegger, Michelstaedter, Freud e Lacan.

© Massimo Recalcati  2018 - Tutti i diritti riservati